CA’ CORNIANI – QUEL PICCOLO BORGO SENZA TEMPO

L’AFFASCINANTE BORGO CONTADINO DI CA’ CORNIANI

caorle-dintorni-cosa-vedere

A pochi km da Caorle, addentrandosi nell’entroterra lungo i campi coltivati circostanti la città, è nascosto un piccolo gioiellino. Un minuscolo borgo che conserva uno spaccato dell’architettura rurale del 1800. Una frazione così piccola che è difficile da scovare. Qui il tempo sembra essersi fermato e potrete respirare un’atmosfera dai tempi andati.

Ma andiamo con ordine…

DOVE SI TROVA:

Uscendo da Caorle, proseguite lungo il ponte delle catene, un vecchio ponte che si apre ancora oggi a mano (ci vogliono ben quattro persone per sollevarlo e consentire alle barche di passare) e vi ritroverete lungo la strada che conduce al borgo rurale di Cà Corniani. Noi vi consigliamo di raggiungerlo in bicicletta o a piedi, sono meno di 3 Km.

cosa-vedere-a-caorle-dintorni

Quando raggiungete la cantina Cà corniani, alla vostra sinistra addentratevi lungo la stradina di ghiaia e lasciatevi guidare dalla curiosità. Il borgo è così piccolo che è impossibile perdersi! 😉

UNA STORIA LONTANA:

Ca’ Corniani è un perfetto esempio di architettura rurale veneta. In origine tutta questa zona, era una vasta palude malarica, che necessitava di significativi interventi di bonifica. Interventi che vennero attuati verso la seconda metà dell’Ottocento da alcuni proprietari terrieri: le Assicurazioni generali, che attirarono le famiglie di contadini offrendo loro non solo un lavoro, ma anche un’abitazione all’ interno di una comunità agricola ben strutturata.

Qui un tempo i mezzadri e i contadini avevano a disposizione tutti i servizi, dal medico al panettiere, le botteghe, l’asilo, la scuola per i bambini e la chiesa con il suo sacerdote. Oggi con la quiete e tranquillità che si respira qui sembra impossibile pensare che fino a pochi decenni fa questi cortili erano affollati da bambini che correvano allegri e un gran via vai di gente.

L’ ARCHITETTURA:

Il villaggio di Cà Corniani rappresenta e ripropone le caratteristiche tipiche del borgo contadino di quel tempo. Si tratta di una struttura a ferro di cavallo, con il lato aperto orientato ad ovest verso la campagna. Un’elegante casa padronale su tre piani segna il perimetro meridionale del complesso, mentre parallelamente al fiume Livenza, troviamo una sequenza serrata con gli alloggi per mezzadri e coloni, che continua sul lato porticato settentrionale.
Alcune delle vecchie abitazioni sono state ristrutturate e alcune sono in parte abitate dai discendenti dei salariati. Attualmente vi abitano nel borgo appena 60 persone!!!

càcorniani

SERVE UNA SOSTA?

Nel borghetto potete visitare anche la moderna cantina dall’omonimo nome che produce ottimi vini e mozzarelle di bufala. Se avete la fortuna di trovarla aperta non esitate ad entrare e date uno sguardo alle grandi botte. Oppure se è l’ora giusta fermatevi per un pranzo veloce all’osteria lì vicino o riposate lungo il pontile o all’ombra degli alberi del fiume Livenza.

Noi ci riposiamo un pò, ma torniamo presto con un nuovo articolo 😉

cantina-cà-corniani

NEI DINTORNI

Attività ed esperienze | Escursione in barca

12 €

CASANOVARESORT

San Michele al Tagliamento (VE)

Dove dormire | Eco Resort

55 €

Attività ed esperienze | Food & Wine

15 €

Lascia un commento